indagini geofisiche presso la villa romana di Staranzano

indagini geofisiche presso la villa romana di Staranzano

e-villae nuove

Si sono da poco conluse le indagini geofisiche 3D per l’individuazione di strutture sepolte presso la villa romana della Liberta Peticia di Staranzano in seno al progetto E-Villae, promosso per volontà dell’Assessorato alla Cultura del Comune e volto a valorizzare la villa stessa, il suo quadro territoriale e a far conoscere l’articolato contesto abitativo antico del monfalconese.
Grazie all’operato di Esplora, Spin-Off accademico dell’ Università degli Studi di Trieste, si sono condotte alcune indagini georadar GPR (Ground Penetrating Radar) in prossimità delle strutture già note della villa.
Il metodo d’indagine si basa sul principio della propagazione di impulsi elettromagnetici nei materiali e sulla loro riflessione in corrispondenza delle superfici di discontinuità dovute a variazioni di permittività dei materiali investigati….e i risultati non sono mancati!

Per conoscere ogni sviluppo del progetto, vi invitiamo a seguire il nostro sito web, il social dedicato e il sito web del progetto, www.e-villae.it, che sarà via via implementato non solo con i risultati delle indagini, ma con un racconto esaustivo sulle stesse e sugli aspetti caratterizzanti il mondo antico locale.


 

Concerto in Villa | Staranzano-27 giugno 2022

Concerto in Villa | Staranzano-27 giugno 2022

e-villae nuove

Nell’ambito del progetto culturale E-Villae il Gertrude Quintet si esibirà presso la villa romana della liberta Peticia, a Staranzano.
A partire dalle ore 20.30, Clarissa Durizzotto al clarinetto, Paolo Pascolo ai flauti, Gabriele Cancelli alla tromba, Mirko Cisilino al trombone e Marin O’Laughlin alla tuba saluteranno l’inizio dell’estate dal magico contesto musealizzato e bucolico dell’antica villa, in quet’evento organizzato da DobiaLab, partner di progetto.
Un modo in più per conoscere non solo questo progetto di valorizzazione di un importante lascito del passato, ma anche per godere dei virtuosismi di un quintetto d’assoluta ecellenza nel panorama musicale contemporaneo.

Il progetto E-Villae è un progetto culturale dell’assessorato della Cultura del Comune di Staranzano e si pone come obiettivo principe la valorizzazione del sito archeologico della Villa Romana della Liberta Peticia, attraverso il ripristino del sito, il restauro del mosaico musivo, la ristrutturazione della cartellonistica stradale ed indicativa, l’indagine georadar locale e la realizzazione del sito web dedicato.
Questo progetto è stato realizzato grazie al contributo della Regione FVG e alle partnerships della Soprintendenza dei Beni Culturali del FVG, CCM Consorzio Culturale del Monfalconese, DobbiaLab – Gruppo Area di Ricerca, SFA Società Archeologica Friulana; Lacus Timavi; Pro Loco di Staranzano.
Per chi arriva in auto, si consiglia di utilizzare il parcheggio del cimitero di Staranzano in via De Amicis, situato a 100metri dalla Villa

Liberta Peticia

 


via Edmondo de Amicis, 35 Staranzano (Go)

l’associazione Lacus Timavi è partner nel progetto di valorizzazione della villa romana di Staranzano

l’associazione Lacus Timavi è partner nel progetto di valorizzazione della villa romana di Staranzano

nuove

[foto: Flavio Snidero]

La Regione Friuli Venezia Giulia assegna al Comune di Staranzano un finanziamento di 20 mila euro, a valere sul recente bando per la valorizzazione del patrimonio storico ed etnografico regionale, con la finalità di valorizzare la locale villa romana della Liberta Peticia.
L’Assessore alla cultura Roberta Russi ha coinvolto la nostra associazione tra i partenariati di progetto, in cordata con altri prestigiosi Enti ed associazioni locali, con la finalità di contribuire a far riemergere con strumenti contemporanei la storia quasi bimillenaria di quest’insediamento abitativo.

L’associazione si è già occupata nel recente passato di valorizzazione del sto archeologico, in seno al progetto ‘SottoMonfalcone. Storia, archeologia e paesaggio nel territorio tra il Timavo e l’Isonzo’, da poco concluso (a questo link, l’articolo relativo).

Per un approfondimento, vi  proponiamo qui sotto l’articolo relativo comparso su ‘il Piccolo’ di oggi, a firma di Ciro Vitiello.

.


 

Conferenza 24 gennaio | Storie della Grande Guerra- Le operazioni del 5-9 giugno 1915 dalle testimonianze dei protagonisti

Conferenza 24 gennaio | Storie della Grande Guerra- Le operazioni del 5-9 giugno 1915 dalle testimonianze dei protagonisti

SottoMonfalcone

Venerdì 24 gennaio, alle ore 18, presso la sala ‘Benito Peres’ di Staranzano (Municipio, I piano), si terrà la conferenza ‘Storie della Grande Guerra- Le operazioni del 5-9 giugno 1915 dalle testimonianze dei protagonisti ‘, proposta nell’ambito delle iniziative previste dal Progetto ‘SottoMonfalcone. Storia, archeologia e paesaggio nel territorio tra il Timavo e l’Isonzo’ è finanziato dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, a valere sul Bando Regionale per gli incentivi annuali 2019 a favore della Promozione delle Attività culturali – iniziative progettuali riguardanti manifestazioni di divulgazione della cultura umanistica.

Pietro Commisso, ricercatore e anima dell’Associazione Galleria Rifugio di Monfalcone -partner di progetto- e Gianfranco Paliaga, ricercatore autonomo, illustreranno i fatti realtivi alle operazioni offensive del Regio Esercito Italiano fra il 5 ed il 9 giugno 1915 nel territorio del monfalconese attraverso i diari di due illustri protagonisti, Mario Perrini e Giani Stuparich, e i rapporti dei Granatieri di Sardegna.

A latere, sarà possibile visitare la mostra fotografica itinerante ‘Una Storia per Immagini – Viaggio nel tempo e nei luoghi tra Timavo e Isonzo’, anch’essa facente parte della proposta del progetto ‘SottoMonfalcone’ e realizzata dall’Associazione Obbiettivo Immagine di Gradisca d’Isonzo. [c/o Sala Espositiva ‘Alberto Delbianco, via Zambon 2, Staranzano]

foto: Quota 121 – Claudio De Paoli