Laguna | il documentario sulla laguna di Grado

Friuli Venezia Giulia, multiforme regione d’acqua e di terra. Con la stessa intensità con cui il paesaggio montano si staglia con le sue aspre e fascinose vette, la pianura degrada favicon32defBmollemente verso il mare, punteggiandosi di corsi d’acqua, risorgive e zone umide. E con cromaticità simile a quella dei pensieri del poeta Rilke, a volo d’uccello sulle amate falesie duinesi, la laguna si dischiude in un ideale abbraccio al grande Golfo.

Proprio la laguna, nel suo pulsare di vita nuova e nella sua accezione di punto d’incontro, di passaggio e di scambio s’è definita in un’identità propria, ove il senso del confine, del limes fisico tra acqua e terra, tra genti e tempi diversi, l’ha resa ultima frontiera, liquida e mobile, ideale lido d’ogni perenne divenire.

Tutti aspetti che hanno contribuito a creare un quadro d’insieme di un mondo che sta progressivamente mutando, affrescato nell’’istantanea dinamica’ di questo documentario, che racconta un territorio mirabilmente cesellato dal paziente discorrere tra storia, arte e cultura.

Regia e fotografia sono a cura di Raymond Varraud, già regista per Alberto Angela, mentre le musiche originali sono composte dal Maestro Maurizio Angelozzi. La voce narrante è quella di Alberto Rossatti, voce storica di radio Rai, mentre l’autore è Andrea Fasolo, dell’associazione Lacus Timavi.

L’associazione, negli intenti di valorizzazione territoriale in chiave storica e divulgativa, ha contribuito alla definizione dei contenuti di questo lavoro, che si perpetra con una serie di racconti, nuove e ‘meno nuove’ sulla laguna.

lagunadoc.it