Open-day – visita guidata alla chiesetta cinquecentesca di Santa Maria in Monte di Fogliano e ai resti del forte veneziano e alla dolina dei Bersaglieri | domenica 8 marzo

Open-day – visita guidata alla chiesetta cinquecentesca di Santa Maria in Monte di Fogliano e ai resti del forte veneziano e alla dolina dei Bersaglieri | domenica 8 marzo

SottoMonfalcone

Domenica 8 marzo 2020 a Fogliano presso la Chiesetta di Santa Maria in Monte [alle ore 10.00, 11.00, 12.00], apertura straordinaria e visita guidata alla chiesetta cinquecentesca di Santa Maria in Monte e ai resti del forte veneziano.
A partire dalle ore 10.00 (un turno unico), sarà possibile visitare il comprensorio difensivo della Dolina dei Bersaglieri.

L’iniziativa è organizzata con la collaborazione del Comune di Fogliano Redipuglia, della Parrocchia S. Elisabetta di Fogliano e della Proloco di Fogliano Redipuglia.

[foto di Flavio Snidero]

Andrea Fasolo
invito scaricabile

 

associazione culturale Lacus Timavi; SottoMonfalcone

Conferenza – In luoghi più esposti ad esser veduti. Ville e dimore storiche in Friuli e nell’Isontino | venerdì 6 marzo

Conferenza – In luoghi più esposti ad esser veduti. Ville e dimore storiche in Friuli e nell’Isontino | venerdì 6 marzo

SottoMonfalcone

Venerdì 6 marzo, alle ore 18.00, a Turriaco – Sala Consiliare (piazza Libertà, 34),  si terrà la conferenza di Paolo Tomasella dell’ERPAC (Ente Regionale per il Patrimonio Culturale), alla scoperta del patrimonio di ville e dimore storiche in Friuli e nell’Isontino.

[foto di Romano Semitz]

invito alla conferenza

associazione culturale Lacus Timavi; SottoMonfalcone

Conferenza – Le grotte: archivi del passato/Tremila anni al Timavo |  mercoledì 19 febbraio

Conferenza – Le grotte: archivi del passato/Tremila anni al Timavo | mercoledì 19 febbraio

SottoMonfalcone

Venerdì 19 febbraio, alle ore 18.00, ad Aurisina, presso la Casa della Pietra ‘Igo Gruden’ (Aurisina 158), si terrà una conferenza con due relatori: a parlarci del popolamento del Carso Triestino durante la preistoria sarà Furio Premiani, presidente della Federazione Speleologica Regionale FVG; a raccontare di ulteriori suggestioni legate al fiume Timavo sarà lo storico Alberto Luchitta.
L’iniziativa è organizzata dal Lions Club Duino Aurisina e dal Comune di Duino Aurisina, in collaborazione con la nostra associazione.


 

Open day – San Canzian (Antiquarium e San Proto) |  sabato 15 febbraio

Open day – San Canzian (Antiquarium e San Proto) | sabato 15 febbraio

SottoMonfalcone

Sabato 15 febbraio, a San Canzian d’Isonzo, saranno aperti in via straordinaria due importanti scrigni di storia locale: l’Antiquarium presso la Chiesa Parrocchiale e la chiesetta di San Proto.
L’evento fa parte delle iniziative proposte dal progetto SottoMonfalcone ed è organizzato in collaborazione con il Comune di San Canzian d’Isonzo, con i volontari della Società Friulana di Archeologia – Sezione Isontina e la Parrocchia Ss. Martiri Canziani.
Le visite ai due siti, completamente grauite, sono condotte
> all’Antiquarium, dai volontari della Società Friulana di Archeologia e dalla storica Monica Chiabà, che illustrerà le antiche lapidi iscritte
> alla chiesetta di San Proto, dall’archeologa Paola Maggi, del comitato scientifico di progetto

Il ritrovo è fissato presso la Chiesa Parrocchiale e presso la Chiesetta di San Proto con inizio alle ore 10.00, 11.00, 12.00.
Info e prenotazioni (obbligatorie nel caso di gruppi): sottomonfalcone@lacustimavi.

[foto: Romano Semitz]


l’articolo su ‘Il Piccolo’ [11-02-2020]

Open day – Monfalcone | sabato 8 febbraio

Open day – Monfalcone | sabato 8 febbraio

SottoMonfalcone

Sabato 8 febbraio 2020 l’Associazione culturale Lacus Timavi, nell’ambito delle iniziative previste dal progetto ‘SottoMonfalcone. Storia, archeologia e paesaggio nel territorio tra il Timavo e l’Isonzo’, organizza un Open day alla scoperta di luoghi storici, noti e meno noti, della città di Monfalcone.

A partire dalle ore 9.00 e con partenze ogni ora (10.00 e 11.00), con ritrovo presso il Municipio di Monfalcone, si potranno effettuare due passeggiate organizzate in collaborazione con il Comune di Monfalcone, con l’Istituto Statale di Istruzione Superiore ‘Sandro Pertini’ e con l’Associazione ‘Galleria Rifugio’ di Monfalcone.

>>La prima è una passeggiata alla scoperta della Monfalcone medievale, che si terrà a cura degli alunni della 3BET indirizzo Turistico dell’I.S.I.S. Sandro Pertini di Monfalcone e comprenderà l’illustrazione dei resti archeologici sotto il Municipio e la visita alla collezione archeologica conservata nel Palazzetto Veneto. La visita sarà supportata dalle archeologhe Paola Maggi, Renata Merlatti e Gabriella Petrucci, coordinatrici del progetto.

>>Il secondo itinerario di visita prevede una passeggiata storica nei luoghi delle due Guerre a Monfalcone, che verrà condotta dal ricercatore Pietro Commisso dell’Associazione ‘Galleria Rifugio’ di Monfalcone.

All’Open-day forniscono preziosa collaborazione la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio FVG, il comune di Monfalcone e l’I.S.I.S. ‘Sandro Pertini’ di Monfalcone.

L’iniziativa è gratuita. Per informazioni e prenotazioni (obbligatorie nel caso di gruppi) scrivere a: sottomonfalcone@lacustimavi.it.

 

invito

Una Storia per Immagini | ad Aurisina la seconda tappa della mostra fotografica itinerante

Una Storia per Immagini | ad Aurisina la seconda tappa della mostra fotografica itinerante

SottoMonfalcone

La mostra fotografica itinerante ‘Una Storia per Immagini – Viaggio nel tempo e nei luoghi tra Timavo e Isonzo’ fa tappa ad Aurisina, presso la Casa della Pietra ‘Igo Gruden’, dal 1 al 19 febbraio 2020.
La mostra, realizzata dall’Associazione Obbiettivo Immagine di Gradisca d’Isonzo, fa parte dei prodotti e delle iniziative previste dal progetto SottoMonfalcone, ideato dalle archeologhe Paola Maggi, Renata Merlatti e Gabriella Petrucci e predisposto dall’associazione culturale Lacus Timavi.
La mostra di Aurisina, con oltre 50 foto artistiche che ritraggono le bellezze storiche e paesaggistiche del territorio tra falesie di Duino e Isonzo, è a ingresso libero e sarà inaugurata sabato 1 febbraio, alle ore 11, presso la citata Casa della Pietra di Aurisina.
Si ringraziano il Comune di Duino Aurisina per il patrocinio all’iniziativa, il Lions Club di Duino Aurisina e l’Università della Terza Età ‘Danilo Dobrina’ – Trieste.


 

Open Day e Conferenza: doppio appuntamento | venerdì 31 gennaio

Open Day e Conferenza: doppio appuntamento | venerdì 31 gennaio

SottoMonfalcone

Venerdì 31 gennaio sono previsti due appuntamenti nell’ambito del progetto SottoMonfalcone.

Alle ore 17.00 e 17.45, le archeologhe Paola Maggi e Gabriella Petrucci condurranno una visita guidata presso l’Antiquarium Comunale di Ronchi dei Legionari, alla scoperta dei reperti della villa romana. [Androna Palmada, 2].

Successivamente, la dott.ssa Monica Chiabà, dell’Associazione Nazionale per Aquileia, condurrà la conferenza ‘Aquileia est deducta (181 a.C.)’: a partire alle ore 18.30 del 31 gennaio, presso l’Auditorium  Comunale [Piazzetta dell’Emigrante], saranno illustrati alcuni spunti storici sulla fondazione della grande città romana.

Entrambi gli appuntamenti sono organizzati in collaborazione con il Comune di Ronchi dei Legionari, nell’ambito della rassegna ‘Noi e la Storia’.
L’open day s’avvale anche della collaborazione della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio del Friuli Venezia Giulia.
Per ulteriori informazioni: sottomonfalcone@lacustimavi.it


 

Conferenza 24 gennaio | Storie della Grande Guerra- Le operazioni del 5-9 giugno 1915 dalle testimonianze dei protagonisti

Conferenza 24 gennaio | Storie della Grande Guerra- Le operazioni del 5-9 giugno 1915 dalle testimonianze dei protagonisti

SottoMonfalcone

Venerdì 24 gennaio, alle ore 18, presso la sala ‘Benito Peres’ di Staranzano (Municipio, I piano), si terrà la conferenza ‘Storie della Grande Guerra- Le operazioni del 5-9 giugno 1915 dalle testimonianze dei protagonisti ‘, proposta nell’ambito delle iniziative previste dal Progetto ‘SottoMonfalcone. Storia, archeologia e paesaggio nel territorio tra il Timavo e l’Isonzo’ è finanziato dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, a valere sul Bando Regionale per gli incentivi annuali 2019 a favore della Promozione delle Attività culturali – iniziative progettuali riguardanti manifestazioni di divulgazione della cultura umanistica.

Pietro Commisso, ricercatore e anima dell’Associazione Galleria Rifugio di Monfalcone -partner di progetto- e Gianfranco Paliaga, ricercatore autonomo, illustreranno i fatti realtivi alle operazioni offensive del Regio Esercito Italiano fra il 5 ed il 9 giugno 1915 nel territorio del monfalconese attraverso i diari di due illustri protagonisti, Mario Perrini e Giani Stuparich, e i rapporti dei Granatieri di Sardegna.

A latere, sarà possibile visitare la mostra fotografica itinerante ‘Una Storia per Immagini – Viaggio nel tempo e nei luoghi tra Timavo e Isonzo’, anch’essa facente parte della proposta del progetto ‘SottoMonfalcone’ e realizzata dall’Associazione Obbiettivo Immagine di Gradisca d’Isonzo. [c/o Sala Espositiva ‘Alberto Delbianco, via Zambon 2, Staranzano]

foto: Quota 121 – Claudio De Paoli



Una Storia per Immagini | inaugurazione mostra a Staranzano

Una Storia per Immagini | inaugurazione mostra a Staranzano

rassegna stampa SottoMonfalcone

L’articolo apparso su ‘il Piccolo’, relativo all’inaugurazione della mostra ‘Una Storia per Immagini. Viaggio nel tempo e nei luoghi fra Timavo e Isonzo’, tenutasi a Staranzano l’ 11 gennaio 2020 e proposta dall’associazione Obbiettivo Immagine di Gradisca d’Isonzo, nell’ambito delle iniziative previste dal progetto SottoMonfalcone.



 

Non solo Aquileia. Segni della presenza romana nel territorio tra Isonzo e Timavo.

Non solo Aquileia. Segni della presenza romana nel territorio tra Isonzo e Timavo.

nuove SottoMonfalcone

Progetto SottoMonfalcone | incontro pubblico presso la villa romana della Liberta Peticia, a Staranzano

Nella significativa cornice della villa romana di Staranzano, sabato 5 ottobre 2019 alle ore 11.00 le archeologhe Paola Maggi, Renata Merlatti e Gabriella Petrucci saranno presenti per una chiacchierata sulle principali testimonianze di epoca romana nella parte orientale dell’antico territorio aquileiese.
Si parlerà delle ‘tracce”’lasciate da chi viveva qui circa 2000 anni fa, segni a volte evidenti, a volte labili, che ci raccontano come il paesaggio si presentava in età romana.
Saranno illustrate le modalità di insediamento in quest’area: vie di comunicazione, infrastrutture, ville, necropoli.
Numerosi reperti ci illustrano poi la vita quotidiana del tempo.

L’incontro, aperto a tutti, costituisce una delle prime iniziative del progetto ‘SottoMonfalcone. Storia, archeologia e paesaggio nel territorio tra il Timavo e l’Isonzo’ promosso dall’Associazione Culturale Lacus Timavi di Monfalcone e finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia nell’ambito del Bando Regionale per gli incentivi annuali 2019 a favore della promozione delle attività culturali di divulgazione della cultura umanistica.

Il progetto mira a trasmettere a un ampio pubblico le conoscenze sui luoghi e sulle testimonianze di interesse storico, archeologico e paesaggistico di Monfalcone e del comparto territoriale circostante, dal mare ai rilievi carsici. L’intento è quello di raccontare in modo nuovo, attraverso una pubblicazione a carattere divulgativo, lo sviluppo storico del territorio dall’antichità a oggi, suggerendo allo stesso tempo nuove modalità di visita di luoghi conosciuti o meno noti.

Tra le altre attività previste dal progetto si segnala una mostra fotografica itinerante in cui verranno esposte immagini delle ricchezze culturali del territorio; saranno inoltre proposti degli “open days”, giornate dedicate a visite guidate aperte al pubblico alla scoperta dei luoghi di rilevanza storica e naturalistica.
Queste ultime iniziative, così come l’accesso ai documenti d’archivio e ai risultati delle ricerche condotte nel territorio, sono rese possibili grazie alla preannunciata collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio del Friuli Venezia Giulia.

Partner nella realizzazione del progetto sono i Comuni di Staranzano e di San Canzian d’Isonzo, l’Associazione Obbiettivo Immagine di Gradisca d’Isonzo, l’Associazione Galleria Rifugio di Monfalcone, lo IAL del Friuli Venezia Giulia (Scuola Alberghiera di Monfalcone), Lions Club di Duino Aurisina, Club per l’UNESCO di Udine e l’Associazione FriuliVeneziaGiuliaДА di Trieste.

>QUI, le indicazioni per raggiungere la villa romana di Staranzano

>QUI, la sede del Comune di Staranzano, che sarà usata in caso di maltempo


SottoMonfalcone. Storia, archeologia e paesaggio nel territorio tra il Timavo e l’Isonzo

SottoMonfalcone. Storia, archeologia e paesaggio nel territorio tra il Timavo e l’Isonzo

nuove SottoMonfalcone

Grazie al recente scorrimento della graduatoria regionale relativa al bando per gli incentivi annuali a favore della promozione delle attività culturali – iniziative progettuali riguardanti manifestazioni di divulgazione della cultura umanistica, il progetto “SottoMonfalcone. Storia, archeologia e paesaggio nel territorio tra il Timavo e l’Isonzo”, presentato dall’associazione culturale Lacus Timavi quale capofila, rientra tra quelli ammissibili e finanziabili.
Tale progetto si propone di valorizzare la ricchezza delle evidenze archeologiche, storiche e naturalistiche del territorio tra il Timavo e l’Isonzo, con un particolare focus sull’area urbana di Monfalcone. L’obiettivo è di trasmettere a un ampio pubblico le conoscenze disponibili sui luoghi e sulle testimonianze di interesse storico e archeologico presenti a Monfalcone e nel comparto territoriale circostante.
Il prodotto principale sarà una pubblicazione a carattere divulgativo sull’archeologia e sulla storia di Monfalcone e dei comuni circostanti dall’antichità all’età moderna, con un’attenzione particolare alle trasformazioni avvenute nel paesaggio naturale e antropico.
L’intento è quello di costruire e divulgare, attraverso diversi prodotti e con la massima attenzione alla scientificità dei contenuti, una narrazione d’insieme dello sviluppo storico, dall’antichità a oggi, di un territorio connotato da una certa omogeneità di espressioni culturali.
L’analisi dei dati – spesso frammentari e conosciuti solo dagli specialisti – che provengono da numerose ricerche di archeologia del paesaggio e da indagini di scavo condotte nell’area, è in grado di gettare nuova luce sulle trasformazioni culturali, sociali e ambientali nel divenire di millenni.

logo Friuli Venezia Giulia