Marin Sanudo

Marin Sanudo

Nel 1483 il cronista veneziano Marin Sanudo scrisse un volume su un viaggio compiuto nei territori della Repubblica di Venezia, seguendo l’iter percorso dagli Auditori delle Sentenze.

Il loro compito, quali magistrati giudiziari, era la verifica dell’operato dei Rettori al governo delle città della Serenissima e il suo successivo resoconto alla Quarantia Civil Nova, uno dei massimi organi costituzionali.

Delle cinquantasette località visitate e dettagliatamente descritte dal Sanudo nei quasi sei mesi di viaggio tra terraferma veneta e Istria, non viene naturalmente tralasciata Monfalcone, della quale il diarista veneto fissò l’andamento delle poderose mura, dei torrioni a pianta rettangolare e del fossato nel disegno qui riportato.

Documento che giunge a noi come prima pianta conosciuta della città.

(da ‘Itinerario di Marin Sanuto per la terraferma veneziana: nell’ anno MCCCCLXXXIII.’)

meno nuove