mostra “Regolazioni per li Pescattori” | Marano Lagunare

mostra “Regolazioni per li Pescattori” | Marano Lagunare

nuove

Da venerdì 12 agosto, presso il MuLa – Museo Archeologico della Laguna di Marano, sarà possibile visitare la mostra a ingresso libero “Regolazioni per li Pescattori – la pesca fra ‘400 e ‘700 nelle lagune di Marano e Grado, regole e privilegi”.
La mostra, voluta dal Comune di Marano Lagunare in collaborazione con il MuLa – Museo Archeologico della Laguna di Marano, la Soprintendenza archivistica del Friuli Venezia Giulia e l’associazione culturale Lacus Timavi, affronta il  secolare problema -ancora non completamente risolto- dei confini lagunari tra Marano e Grado, illustrando regole e privilegi per i pescatori e commercianti (Statuto dei pescatori e lettere ducali del doge di Venezia). museo archeologico della laguna; Marano Lagunare
La curatrice, l’archivista storica Sabrina Valent, per allestirla ha selezionato una serie di documenti provenienti dall’archivio storico di Marano Lagunare.
Tra questi, la sentenza 14 ottobre 1452 del Consiglio dei Dieci di Venezia e la cosiddetta Terminazione Capello: un’ampia sentenza, tracciata su un’imponente pergamena, che prende il nome dal celebre magistrato veneziano che la emanò, insieme al Senato, il 29 ottobre 1604 e che riprende e integra la precedente.

A completare il quadro sono esposti alcuni capitoli estratti dal trattato 11 aprile 1753 tra Venezia e Austria inerenti ancora la divisione e l’uso delle medesime acque lagunari.
Si possono ammirare inoltre: il primo Statuto dei pescatori di Marano risalente al 1769 che regolava in modo sistematico la vita nella Comunità e l’attività della pesca, alcune lettere ducali (cinque/seicentesche) inerenti controversie tra gli abitanti e i soldati veneziani presenti sul territorio, privilegi ed esenzioni indirizzate a pescatori e commercianti e, infine, un interessante proclama a stampa, datato 1670, del doge di Venezia in materia di commercio del pesce, dazi e contrabbando.

L’associazione culturale Lacus Timavi contribuisce a questa interessante iniziativa sia in virtù della perdurante collaborazione con il MuLa, sia mettendo a disposizione uno storico espositore un tempo in uso al Museo Archeologico Nazionale di Aquileia.

 


La mostra è visitabile dal 12 agosto al 15 settembre presso il MuLa di via Sinodo 28 -Marano Lagunare

Orari (INGRESSO LIBERO)
MARTEDÌ | 09.00 – 12.30
MERCOLEDÌ | 15.30 – 19.00 e 20.30 – 22.00
VENERDÌ | 09.00 – 12.30
SABATO | 15.30 – 19.00
DOMENICA E FESTIVI | 15.30 – 19.00

 

Marano Lagunare; associazione culturale Lacus Timavi; MuLa Museo della Laguna di Marano Lagunare

presentazione del Dizionario di toponomastica della laguna di Marano Lagunare [mercoledì 10/8]

presentazione del Dizionario di toponomastica della laguna di Marano Lagunare [mercoledì 10/8]

nuove

Mercoledì 10 agosto, in occasione della festa triennale dedicata alla Beata Vergine della Salute di Marano, sarà presentato a il Dizionario di toponomastica della laguna di Marano Lagunare, a cura di Maria Teresa Corso, studiosa e ricercatrice della storia, dei costumi e delle tradizioni della comunità maranese.
La presentazione si inserisce nel corollario al concerto del pianista Paolo Zentilin, con inizio alle ore 20.30 in Piazza Frangipane a Marano Lagunare, quando sarà presentato l’album dedicato a Giustini.
La festa triennale dedicata alla Beata Vergine della Salute, le cui radici si fondono con l’omonima festa di Venezia da cui, nei secoli XVII e XVIII si è propagata la devozione nei territori della Repubblica.
A causa delle innumerevoli epidemie che interessarono la cittadina -una delle quali indusse l’abbattimento della cinta muraria per evitare ristagni d’aria malsana- la fede mariana attecchì particolarmente e oggi questa festa rappresenta un partecipato momento di ritrovo della comunità e di perpetuazione della tradizione.