strada romana al Lisert

strada romana al Lisert

meno nuove

In un post precedente si è visto come la strada che collegava Aquileia a Nauporto (odierna Vhrnika, SLO), attraversasse l’Isonzo su un maestoso ponte che conobbe lunga e travagliata storia, fino alla sua definitivademolizione avvenuta per opera del Patriarca Gregorio nell’anno 1268.

La direttrice che da Aquileia puntava a sud, verso l’Istria, anche in questo caso fu edificata su una preesistente pista percorsa dalle genti locali e la sua definizione si rese necessaria già ai tempi della guerra contro gli Istri, protrattasi sino al 177 a.C.

Aquileia voleva difatti esercitare un controllo sempre più stringente sul territorio circostante e quindi la perfetta agibilità di quelle antiche piste divenne di primaria importanza, creando così un collegamento col sobborgo aquileiese di Monastero con la zona del Timavo.

La strada, che avrebbe poi continuato in seguito ad essere costruita fino alla colonia di Tergeste, raggiungeva un ramo del paleoalveo dell’Isonzo tra Levada e San Canzian d’Isonzo, dove esisteva un ponte, e un altro ramo scomparso dell’Isonzo nella zona di San Polo di Ronchi.

La palude del Lisert era raggiunta poi e il Locavaz veniva superato anch’esso da un ponte, a poca distanza dalla ‘mansio Timavi’.

In questa foto si nota la strada romana durante una fase delle ricognizioni che l’archeologo triestino Alberto Puschi fece durante il suo studio sistematico del territorio.

Timavo, foce

Timavo, foce

meno nuove

In questa splendida panoramica raffigurante la foce del Timavo, le tracce di un antico passato e la quiete del luogo palustre si confrontano con i cenni di una modernità che, di lì a poco, ne avrebbe trasformato radicalmente l’aspetto.

Con delle placide anse appena accennate, il Timavo incontra il mare in prossimità del ‘balo’, l’affioramento alluvionale che si può notare sulla destra, un tempo sede insulare del castelletto veneziano del Bel Forte.

Sulla sinistra del corso d’acqua si nota chiaramente l’assenza del Villaggio del Pescatore, edificato nei primi anni ‘50, mentre in lontananza, oltre le zone umide, un battello a vapore traina una chiatta, pennellando il cielo di questa foto con un lungo sbuffo di fumo.

foto: 1°marzo 1911 – foce del Timavo dal sommo dell’Isola della Punta (Civ. Musei di Storia ed Arte di, fotografo Alberto Puschi).
L’isola della punta (o Quota 12) fu sbancata negli anni ’70 per favorire l’insediamento dell’industria, al Lisert.

Nei secoli, fu appellata anche come anche Monte della Fornace, Amarina e Montagnola.