[e-book] monografia sul Lacus Timavi, a cura della Commissione Grotte ‘E. Boegan’

[e-book] monografia sul Lacus Timavi, a cura della Commissione Grotte ‘E. Boegan’

nuove

Per chi lo desiderasse scaricare, con grande piacere rendiamo disponibile il 47° numero degli Atti e Memorie delle Alpi Giulie, una corposa edizione monografica di oltre 260 pagine sul Lacus Timavi, ideata da Louis Torelli ed edita dalla Commissione Grotte ‘Eugenio Boegan’ della Società Alpina delle Giulie.
Nella presente pubblicazione il tema ‘Lacus Timavi’ viene affrontato sotto molteplici punti di vista: geologico, paleontologico, idrologico, preistorico, botanico, entomologico e, naturalmente, speleologico, senza tralasciare un’ampia sezione dedicata alle Terme Romane di Monfalcone e alle proprietà delle loro acque curative.
Non ci resta che augurarvi buona lettura!

nota tecnica: la versione full_92 MB è d’alta qualità grafica, mentre la web_18 MB è di qualità sufficiente per essere consultata su qualsiasi dispositivo.

e-book scaricabile (full_92 MB)

 

e-book scaricabile (web_18 MB)

 


 

edificio della torre piezometrica – Aurisina

edificio della torre piezometrica – Aurisina

meno nuove

Inoltrandosi nella landa carsica in prossimità della torre piezometrica di Aurisina, facilmente riconoscibile dalla strada statale costiera per via della sua mole, dopo un breve tragitto attraverso la macchia si ritrova un edificio costituito da bassi muri a secco in pietra locale a blocchi squadrati.
Individuata nei primi anni ’70 del secolo scorso, questa costruzione ha da subito attratto l’interesse degli studiosi che, a seguito d’alcune indagini, vi hanno rinvenuto diversi materiali, tra cui frammenti d’anfora, laterizi e alcuni resti di manufatti ceramici.
Il posizionamento di questo edificio, sito in prossimità dello spettacolare ciglione carsico, ha dapprima fatto propendere per una sua caratterizzazione come villa della prima romanizzazione locale.
La datazione dei reperti rimanda infatti all’età repubblicana del primo secolo a.C.; tuttavia, il sistema costruttivo dell’edificio è riferibile verosimilmente a tecniche di tipo protostorico, impiegate dalle popolazioni autoctone anche in piena età romana, che prevede  l’allestimento di basamenti in muratura a secco come sostegno ad alzati realizzati in materiale deperibile, oltre al partizionamento interno del fabbricato in un limitato numero di vani.

Difatti l’edificio di compone di quattro ambienti, di cui uno presenta una pavimentazione lastricata in pietra calcarea, mentre di particolare interesse è un piccolo corridoio, nel cui muro è ricavato un focolare.
Lo stato conservativo del manufatto ne permette una certa riconoscibilità e la sua suggestiva collocazione panoramica rappresenta ulteriore spunto per una visita.

.